8 problemi di tutti i giorni che si possono alleviare grazie al botulino: 1/8 Sudorazione eccessiva

underarmNel 2014 il botulino ha “compiuto” 25 anni: il suo uso in medicina è stato infatti approvato per la prima volta nel 1989. Anche se è conosciuto soprattutto come rimedio contro le rughe, l’anno scorso metà delle sue applicazioni non sono state di tipo estetico, ma è stato utilizzato per curare altre patologie, anche serie. Uno dei primi utilizzi è stato per trattare gli spasmi oculari, perché la tossina botulinica funziona bloccando i segnali nervosi che inducono i muscoli a contrarsi, paralizzandoli temporaneamente. Oggi, la tossina botulinica è largamente usata nei bambini che soffrono della rigidità degli arti dovuta alla paralisi cerebrale infantile e nel 2014 ha ricevuto l’approvazione dalle autorità sanitarie britanniche come rimedio per i problemi relativi al movimento delle caviglie dopo un ictus.

Attualmente, in Gran Bretagna, l’uso della tossina botulinica è approvato per 12 patologie, e sono in corso studi e ricerche per altre 20 applicazioni mediche. È insomma una sostanza fenomenale. Dalla testa ai piedi, ecco 8 problemi di tutti i giorni che possono essere alleviati con un attento uso della tossina botulinica

Il primo di questi problemi è l’iperidrosi, cioè una secrezione di sudore molto più abbondante rispetto alla norma, un problema che non può essere controllato con i normali deodoranti o con sostante antitraspiranti. Scientificamente si chiama iperidrosi una secrezione di sudore superiore ai 100 mg di sudore per centimetro quadrato al minuto; in pratica, se ne parla quando l’eccessiva sudorazione provoca disagio e difficoltà nella vita quotidiana.

Ripetute iniezioni superficiali di tossina botulinica si sono dimostrate efficaci nel ridurre la traspirazione di più del 50% in 8 pazienti su 10. In metà dei pazienti monitorati, gli effetti delle iniezioni sono durati oltre 7 mesi.

Funziona così: la tossina blocca temporaneamente la secrezione delle sostanze responsabili di attivare le ghiandole sudoripare. Si praticano da 12 a 20 iniezioni nelle aree più problematiche, ovvero le ascelle, le mani, i piedi o il volto.

Quest’uso della tossina botulinica è ormai ampiamente riconosciuto, tanto che in Gran Bretagna è passato anche dal servizio sanitario nazionale.

Gli articoli più letti del mese: