Bellezza: italiani soddisfatti del botulino

Positiva la reazione degli italiani al botulino. Lo rivela un’indagine di Aiteb, Associazione italiana Terapia Estetica Botulino. «Decisamente positiva la soddisfazione dichiarata dai pazienti sottoposti a trattamento estetico con tossina botulinica: nel 99% dei casi viene indicata almeno come “buona”, tra questi il 54% dichiara una soddisfazione “elevata”. Nell’indagine che abbiamo condotto l’anno scorso la quota si fermava all’85%», afferma Giuseppe Sito, vicepresidente di Aiteb. «Questo conferma sul campo gli effetti di benessere generale sui pazienti che alcuni studi scientifici hanno registrato».

In oltre tre casi su dieci il trattamento con botulino è il primo approccio che il paziente ha con il settore della medicina e della chirurgia estetica. E, una volta iniziato, l’80% di chi l’ha provato vi rimane fedele, ovvero torna a chiedere un trattamento con la tossina per attenuare le rughe del viso. La zona di intervento prediletta il terzo superiore del volto, ovvero la zona glabellare, la fronte e zampe di gallina. Decisamente più rari i trattamenti nella zona del collo e del mento.

«Oltre che formare i medici, il ruolo di Aiteb è anche quello di fare informazione, spiegare correttamente ai pazienti cos’è il botulino, come agisce e la durata. Il trattamento con tossina botulinica deve essere un trattamento consapevole», afferma Sito. «I dati raccolti ci dicono che la tossina botulinica, resta un trattamento sicuro per il ringiovanimento del volto: rilassa i muscoli distendendo le rughe e non gonfia. Occorre non dimenticare che si tratta sempre di un farmaco registrato e, come tale, sottoposto al rigido controllo del Ministero della Salute tramite l’Agenzia per il Farmaco (AIFA) e quindi deve essere trattato da medici esperti».

Gli articoli più letti del mese: