Bimba affetta da paralisi cerebrale cammina grazie al botulino

Si chiama Kayla Eales, ha  quattro anni, abita a Northampton ed è affetta da paralisi cerebrale. Sta imparando ora a camminare solo grazie al botulino. La sua malattia le impediva si stare in piedi. Con l’aiuto della tossina botulinica è stata in grado di usare i muscoli delle gambe correttamente per prima volta. Ne dà notizia il Mail, da cui sono prese anche le foto della piccola. La piccola Kayla cammina con l’aiuto di un deambulatore ed è finalmente felice.

KaylaSua madre, Gemma Eales, di 31 anni, ha spiegato che era “straziante” vedere la piccola sempre a letto. Le ha più volte detto che “tutto quello che voleva fare era passeggiata, come gli altri bambini”.
“E’ un’anima così felice.  – spiega – ride ed è sempre allegra, ma crescendo sta prendendo coscienza di cosa vuole dire vivere con i limiti imposti dallaparalisi cerebrale. Il trattamento con il botulino non l’ha aiutata solo con i dolori alle gambe, ma ha migliorato il suo modo di camminare più di quanto avrei mai immaginato. Non dimenticherò mai il momento in cui è riuscita a stare in piedi da sola, è rimasta a bocca aperta, e mi ha guardato ridendo”.

In piccole dosi il botulino rilassa la contrazione dei muscoli nelle persone con paralisi cerebrale, bloccando gli impulsi nervosi, che provocano la contrazione dei muscoli. La cosa consente un migliore controllo del movimento e riduce il rischio di tendiniti e di accorciamento dei muscoli.

Kayla avrà bisogno di iniezioni di botulino ogni nove mesi, per continuare a stare in piedi.

 

 

Gli articoli più letti del mese: