Il botulino aiuta gli asmatici a respirare meglio

botulino aiuta asmatici a respirare meglioRicercatori australiani hanno dimostrato che la tossina botulinica, oltre a cancellare le rughe può aiutare i pazienti di asma che soffrono di problemi alla laringe. Secondo quanto riportato dall’agenzia Ansa, medici dell’istituto Monash Health a Melbourne in Australia, hanno avviato una sperimentazione, prima del genere al mondo, iniettando botulino  direttamene nelle corde vocali di pazienti di asma.

Sotto la guida di Phil Bardin, direttore di medicina respiratoria e del sonno dell’istituto, alla sperimentazione sono stati coinvolti undici pazienti di asma severa che soffrivano di spasmi nelle corde vocali, oltre che nei polmoni; una condizione può causare episodi di grave mancanza di respiro e tosse ansimante, ed è spesso scambiata per asma regolare. Nella sperimentazione, descritta sulla rivista Respirology, è stato usato un broncoscopio per osservare l’interno delle corde vocali e guidare le iniezioni in un’area specifica del tessuto della corda vocale, dove è stata iniettata una piccola dose della tossina del botulino.

Questa ha parzialmente paralizzato i muscoli, permettendo alla laringe di rilassarsi e all’aria di fluire verso i polmoni. Un mese dopo il trattamento, la Tac mostrava un miglioramento nelle dimensioni delle vie respiratorie e la maggioranza dei pazienti riportava miglioramenti significativi nei sintomi di asma.

Gli effetti del botulino di solito durano due o tre mesi, riferisce lo studioso, e uno degli effetti collaterali nelle corde vocali è che il paziente parla a voce più bassa del solito. Secondo Bardin sarà necessaria una sperimentazione di maggiore scala per confermare i risultati dello studio, ma intanto questa ricerca ha aperto una nuova strada per l’utilizzo del botulino: è infatti dimostrato che la tossina botulinica è un trattamento fattibile e sicuro per pazienti con gravi disfunzioni delle corde vocali.

Gli articoli più letti del mese: