Dall’antica Grecia le proporzioni della bellezza

antica_grecia_bellezzaLa bellezza ai giorni nostri risale ancora alle proporzioni dell’antica Grecia. La medicina estetica è sempre più rivolta verso risultati naturali. E’ tutta una questione di proporzioni matematiche. Lo ha dimostrato recentemente Arthur Swift, chirurgo plastico canadese che Aiteb ha avuto ospite nell’ultimo appuntamento “Meet the Expert”. Swift ha introdotto un nuovo approccio alla bellezza basato sul rapporto aureo utilizzando trattamenti con tossina botulinica ed acido ialuronico.

«Ha ripreso il “phi” già presente nell’arte dell’antica Grecia, portandolo fino ai giorni nostri. Secondo il suo approccio, applicando il rapporto 1:1,618 non solo al viso intero, ma anche distretto per distretto, è possibile ricreare proporzioni più armoniche. Sono stati sviluppati approcci quasi matematici per non alterare gli equilibri di un viso e assicurare un complessivo ringiovanimento del volto del paziente», spiega Giuseppe Sito vicepresidente di Aiteb.

«La progettazione dei ritocchi iniettivi richiede semplicemente un apposito compasso. È sicuramente un approccio innovativo e interessante; è la testimonianza diretta di quanto sia importante ricercare dei risultati naturali e rispettosi delle caratteristiche personali del paziente».

Gli articoli più letti del mese: