Fisioterapia e iniezioni di botulino aiutano un poliziotto ferito a recuperare l’uso delle mani

E’ inglese, si chiama Reece Clarke, e fino a due anni fa era un sano poliziotto diciannovenne, fino a quando l’auto della polizia su cui era non si è scontrata con un taxi.

Per Reece Clarke le cose  non erano per nulla facili. Ha traReece_ClarKescorso diversi mesi in ospedale prima di essere considerato clinicamente abbastanza stabile per fare riabilitazione, ma le

Direttore medico di QEF dottor Julian Harriss, che lo ha preso in cura per la riabilitazione ha detto: “Quando arrivò a Reece NRS non poteva usare le mani e si era limitato uso della sua parte superiore del corpo e gli arti Era interamente dipendente badanti per tutte le sue necessità e non poteva nutrirsi. Abbiamo lavorato con Reece su un vasto programma di fisioterapia, ma per affrontare i problemi di tenuta muscolare che limitassero il suo movimento, Reece è stato trattato con iniezioni di tossina botulinica in braccio, e guidata da una macchina elettromiografia, che legge i segnali elettrici provenienti da muscoli. La stimolazione elettrica ci ha permesso di indirizzare con precisione i muscoli giusti con iniezioni di tossina botulinica. Dopo due anni e grazie alla sua determinazione e al duro lavoro, così come il sostegno che ha ricevuto dal nostro team interdisciplinare di esperti, Reece ha raggiunto un livello incredibile di recupero della funzionalità della mano e il movimento degli arti superiori. Ora può di nuovo spazzolare i capelli, pulire i denti, e mangiare con una forchetta e cucchiaio. Queste sono cose che molte persone danno per scontato, ma che rappresentavano grandi passi verso riguadagnare qualche normalità.

 

Gli articoli più letti del mese: